Sessione estiva a Godinne, Belgio 2020

 E' da un po' di tempo che stavamo pianificando l'organizzazione del campo estivo di Godinne. Gli organizzatori e il direttivo dell'ABZE hanno riflettuto su tutte le opzioni possibili per assicurare le misure di sicurezza necessarie a ridurre al minimo il rischio di infezione. Alla fine, dopo una analisi approfondita  della raccomandazione espressa da Roland e dell'avviso degli altri godo del nostro sangha, siamo arrivati alla conclusione che la complessità delle norme di messa in sicurezza non ci avrebbe permesso di realizzare il campo.


Con rammarico dobbiamo annunciare

l'annullamento del campo estivo di luglio 2020


Questo periodo di pandemia è, come ogni cosa, un insegnamento. Dobbiamo rinunciare alle abitudini che ci sono care e adattarci a una vita limitata. Ma la pratica quotidiana, gyoji, continua. Ci resta il nostro corpo, il nostro zafu e lo spirito flessibile che sperimentiamo in zazen, che non ristagna su nulla, che accoglie, attimo dopo attimo, ogni nuova situazione.

 

 


Stampa Email

Che cos’è lo zen ?

zen

La parola zen significa meditazione silenziosa (zen in giapponese, chan in cinese e dhyana in sanscrito).
Definisce una delle principali scuole del Buddhismo Mahayana del Giappone (Scuola zen Soto) che privilegia la pratica della meditazione seduta la quale risale all’esperienza del Buddha Shakyamuni che, duemila e cinquecento anni fa, realizzò il risveglio.
Tale pratica contiene l’essenza del suo insegnamento, il cui messaggio ha una portata universale.
La pratica consiste essenzialmente nel “solo sedersi”, “semplicemente seduti” di fronte al muro, e questo è chiamato zazen o shikantaza. Non è basata su dogmi né su ideologie. La semplice conoscenza dei testi non è sufficiente per la comprensione dello zen.

Leggi tutto

Stampa Email

La postura di zazen

IMG_3916Sedetevi sullo zafu (cuscino) e incrociate le gambe. Nella posizione del loto, posate il piede destro sulla coscia sinistra e portate il piede sinistro sulla coscia destra. Nella posizione del mezzo loto, posate il piede destro sulla coscia sinistra e alternate. Il peso del corpo si distribuisce su tre punti: le ginocchia, che premono il suolo e il perineo che preme lo zafu. La colonna vertebrale è ben diritta e verticale. Si tira bene la schiena, le spalle sono ben distese. Il mento rientrato, la nuca è ben diritta e protesa. Spingete la sommità del capo verso il cielo. La bocca è chiusa e la lingua a contatto con il palato alla radice dei due incisivi, cosa che permette di pacificare il chiacchierio interiore. Gli occhi, semichiusi, guardano a un metro davanti a sé verso il suolo senza fissare niente in particolare.

Leggi tutto

Stampa Email

Chi siamo?

Scarica i documenti : La presentazione opuscolo del ABZE

sanghaL'associazione Buddhista Zen d'Europa (ABZE) è stata fondata dai discepoli del Maestro Yuno Rech nel luglio del 2007. Ha come principale obiettivo di organizzare e diffondere la pratica del Buddhismo Zen Soto trasmessa a partire dal Buddha Shakyamuni dai Maestri come Bodhidharma, Tosan, Dôgen, Keizan, Kodo Sawaki, Taisen Deshimaru, Niwa Rempo, Yuno Rech e i suoi discepoli nello spirito della trasmissione da persona a persona che è proprio di questa scuola. L'associazione studierà, praticherà e trasmetterà i principi fondamentali di questa tradizione adattandola alle attuali condizioni di vita in Europa.

Leggi tutto

Stampa Email

Maestro Roland Yuno Rech

rolandNato nel 1944, si è diplomato all'Institut des Sciences Politiques di Parigi e ottenne il DESS di Psychologie Clinique dell'Università Parigi VII. Al termine di un viaggio intorno al mondo, scopre la pratica dello zen in un tempio di Tokyo e decide di rientrare in Francia per seguire l'insegnamento del Maestro Deshimaru di cui fu discepolo dal 1972 al 1982 (morte del Maestro Deshimaru). Seguendo il suo consiglio, aveva ripreso l'attività di dirigente nell'industria, occasione per lui di sperimentare la pratica dello zen nella vita quotidiana, economica e sociale. Alla morte del proprio Maestro nel 1982, si consacra principalmente alla pratica e all'insegnamento dello zen in seno all'Associazione Zen Internazionale di cui fu presidente fino al 1994.

Leggi tutto

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.